1000 Miglia Srl utilizza i cookies per migliorare l’esperienza di chi naviga questo sito. Se prosegui la navigazione acconsenti a questo trattamento. Per ulteriori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra “cookie policy”.

Mille Miglia

Comune di Voghiera

L'edizione 2013 della gara, il giorno 17 maggio dalle ore 8:30 alle 11:30, passerà per:

  • Strada Provinciale n° 26
  • Piazza Giovanni XXIII
  • Viale Bruno Buozzi (Controllo-Timbro a fianco del Municipio)
  • Strada Provinciale in direzione del Castello di Belriguardo

La gara sarà preceduta dal "Ferrari Tribute to 1000 Miglia" che sfilerà sullo stesso percorso Giovedì 16 maggio dalle ore 23:00.

Voghiera è un paese di 3.900 abitanti con una superficie di circa 40 km2 in Provincia di Ferrara da cui dista 16 km, nella direzione sud-est che va verso il mare, lontano 45 km. in una posizione vicina ai margini del Parco del Delta del Po.

Un'economia basata sull'agricoltura

Il territorio di Voghiera, situato tra Ferrara e le Valli di Comacchio, deve la sua configurazione, orografica ed antropologica, ai grandi corsi d'acqua, fra i quali un ramo del Po che in età classica sfociava a mare poco dopo la città etrusca di Spina e l'Avenza (da cui deriva VicusAbentia, oggi Voghenza).

I due villaggi di Voghiera e Voghenza si fronteggiavano sulle sponde del fiume separati da un'isola, ancor oggi perfettamente riconoscibile nel parco della Villa Massari-Mazzoni. Questa dislocazione sulle sponde del fiume, favorì lo sviluppo di Voghenza che crebbe come presidio romano (I - III sec. dC) e sede amministrativa dei Saltus, grandi fattorie di proprietà imperiale, diventando un centro capitale del basso Po.

Ancor oggi l'economia del territorio è prevalentemente agricola, il terreno è intensamente coltivato e grazie alla sua struttura, influenzata dal regime dei fiumi e dalla conformazione deltizia del Po, alcune coltivazioni hanno trovato favorevoli condizioni di sviluppo.

Mele e pere, per quanto riguarda la frutticoltura, cereali e grano che danno origine a specifiche filiere produttive e, soprattutto l'aglio, che grazie ad un progetto decennale di esemplare collaborazione tra Amministrazione Comunale, produttori ed aziende del territorio, Università degli Studi di Ferrara e Fondazione Navarra per le ricerche in Agricoltura, ha portato all'ottenimento del marchio Denominazione di Origine Protetta.

L'aglio di Voghiera D.O.P. oggi è un prodotto di assolutaeccellenza che, con la gestione del Consorzio Produttori Aglio di Voghiera contribuisce positivamente all'economia locale, rappresentando, insieme alle dinamiche aziende del settore florovivaistico, un elemento caratterizzante del paesaggio agricolo con un forte valoreidentitario per l'intero territorio.

Dove riposano le reliquie di San Leo

A Voghiera, arte e cultura rappresentano un patrimonio fortemente legato alla storia di questo territorio, a partire dagli insediamenti di epoca romana nei latifondi imperiali (saltus) visibili nella Necropoli di Voghenza. Quattro secoli dopo Voghenza fu sede vescovile e ancor'oggi sono qui custodite le reliquie di San Leo.

Per questo, giocando un po' con le parole, diciamo che Voghiera è il baricentro del "Distretto dell'Agri-Cultura".

Il Castello di Belriguardo, che ospita il museo archeologico e le collezioni rinascimentali, è l'icona di Voghiera con i suoi candidi angeli posti sul torrione d'ingresso. Costruito nel XV secolo, Belriguardo, prima "Delizia" estense, ospitòTorquato Tasso e vi soggiornarono alcune tra le donne più importanti del Rinascimentoitaliano, come Beatrice d'Este, moglie di Ludovico il Moro, Isabella d'Este e la cognataLucrezia Borgia, le cui vicende politiche e sentimentali influenzarono la storia del paese. Nella residenza estiva della Corte lavorarono pittori della scuola ferrarese:Cosmé Tura, i fratelli Dossi, Girolamo da Carpi, Garofalo.

Testimonianze di quel periodo di splendore sono tutt'ora riconoscibili nella Sala della Vigna, affrescata da Girolamo da Carpi e nella grande struttura quadrata dell'edificio monumentale, mirabilmente riprodotta in un plastico di 10 m2 realizzato dal Museo del Modellismo Storico che ha sede a Voghenza, ed espone collezioni di grande interesse.
Il paesaggio di Voghiera è caratterizzato da alcune ville storiche e dai loro parchi. La più prestigiosa è Villa Massari residenza nobiliare del XVII sec, ora proprietà Mazzoni, che ha restaurato il teatro nel quale si esibiva Maria Waldmann, soprano preferito da Giuseppe Verdi, che si rtirò dalle scene dei più prestigiosi teatri lirici dopo il matrimonio con il duca Galeazzo Massari .

L'aglio, l'eccellenza più vera

L'aglio di Voghiera, una vera eccellenza, ha ottenuto il riconoscimento della Denominazione di Origine Protetta, il marchio attribuito dall'Unione Europea solo agli alimenti "le cui peculiari caratteristiche qualitative ..identificano.. un prodotto inimitabile al di fuori di una determinata zona produttiva."

L'aglio di Voghiera è apprezzato per il suo sapore gentile e mai troppo acre, che si accompagna ad un tipico aroma, è il condimento perfetto che dà gusto e profumo a moltissimi piatti della cucina classica e creativa. Il primo weekend di agosto, al termine della raccolta ed essicazione dell'aglio, nelle corti del Castello di Belriguardo si svolge la tradizionale Fiera dell'aglio di Voghiera DOP organizzata da ProLoco e Consorzio Produttori Aglio, una festa popolare, frequentata da migliaia di persone che per tre giorni possono approfittare della buona cucina e del clima festoso, coinvolgente, che anima la sagra.

Anche la coltivazione della frutta (pesche, mele, pere, fragole… ) ha lunga tradizione nel territorio di Voghiera e recentemente, grazie a studi e ricerche condotte da aziende, associazioni agricole e istituzioni del territorio, presenta al mercato prodotti innovativi (mela Modì) e di rinnovata qualità (pere Abate).

L'enologia in questo territorio tra il Parco del Delta del Po e la pianura, riscopre la tradizione e la valorizza con nuove qualificate competenze che affiancano ai Vini delle Sabbie, nuovi indirizzi produttivi come spumanti leggeri particolarmente graditi ai nuovi consumatori.

Insaccati, che usino il pregiato aglio di Voghiera oppure no, sono prodotti tipici di queste zone al pari dell'ottimo pane con cui costituiscono coppia perfetta per gustose merende.

Calcio, volley e piste ciclabili

Calcio, ovviamente, con una società ed una scuola che sono un modello di organizzazione e funzionalità, tanto da essere scelte come partner dal Parma calcio per effettuare Camp Estivi destinati ai giovani calciatori, residenti o venuti da altre città. Poi Pallavolo femminile con un passato recente in B2 e numerose occasioni per praticare attivamente lo sport. Questo contraddistingue Voghiera che può vantare, inoltre, chilometri di piste ciclabili e strade a bassissimo traffico immerse nella campagna. Particolarmente adatte ad un turista che si muove in bicicletta, sia a corto raggio sia per vere e proprie escursioni, le piste collegano fra loro punti di interesse come il Castello di Belriguardo, la necropoli di Voghenza, la chiesa con le reliquie di San Leo e la chiesa di Voghiera con un abside affrescata dal Bononi. Da Voghiera, sempre sulla ciclabile si va facilmente alle frazioni, Gualdo e Ducentola verso nord costeggiando il parco della villa Massari-Mazzoni, sino alla Torre di Parisina (quella di Ugo e Parisina, giovani amanti, dalla triste sorte). Oppure in direzione opposta, versoMontesanto (ma nonostante il nome non serve essere scalatori) dove pedalando, o passeggiando, si passa accanto a case dalla curiosa pianta ottagonale, si può sostare accanto ai laghetti nel Parco della Fagianella, oltrepassare la ex-proprietà del ConteGulinelli che a Ferrara ospitò Ettore Bugatti e lo aiutò nella realizzazione della sua prima autovettura… il resto scopritelo voi, magari facendovi aiutare dal vostrosmartphone e dai QR Code con cui, da tempo, abbiamo iniziato a segnare percorsi e luoghi del nostro Comune, sempre più integrati con gli itinerari dei Bikers che nei nostri agriturismi o B&B sono graditi ospiti.