1000 Miglia Srl utilizza i cookies per migliorare l’esperienza di chi naviga questo sito. Se prosegui la navigazione acconsenti a questo trattamento. Per ulteriori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra “cookie policy”.

Mille Miglia

La Mille Miglia nostalgica

Per anni a Brescia si parlò poco di Mille Miglia, come si parla poco volentieri di un bene perduto. Solo gli appassionati tenevano in vita, nel profondo del cuore, un sogno recondito.

Così la ricorrenza del 1967 passò quasi del tutto inosservata, tranne che per una manifestazione per auto d'epoca svolta lungo i tornanti della Maddalena, la montagna di Brescia, dal malinconico nome di "Raid delle 10 Miglia". Più importante, fu la commemorazione tenuta in Palazzo Loggia, alla quale il Sindaco Bruno Boni invitò i vincitori della Mille Miglia e grandi personaggi dell'automobilismo.

Nel 1968, per il lancio della nuova berlina Alfa Romeo 1750 (che richiama nel nome la vettura che vinse le Mille Miglia del 1929 e 1930), la Casa milanese organizza un tour rievocativo per alcune sue vetture d'epoca, seguite dai giornalisti sulle nuove automobili.

Per l'occasione, e sarà l'ultima, Renzo Castagneto indossò la sua bombetta per dare il via da Viale Venezia.

Per un altro decennio, la Freccia cadde nel dimenticatoio; la crisi petrolifera, con le domeniche con circolazione a targhe alterne, fa apparire ovunque blasfemo il parlare di corse in generale, non solo di Mille Miglia. Ma non al Musical Watch Veteran Car Club di Brescia, che in collaborazione con l'Automobile Club di Brescia, riesce ad organizzare una celebrazione per i cinquant'anni di nascita (e venti dalla conclusione) nel 1977. La manifestazione, rievocativa, riesce perfettamente, ma causa gli scarsi mezzi, non trova spazio fuori dal proprio ambito. Al massimo, tutti pensano, se ne riparlerà nel 1987.